Addio alla scrittrice di tutti i mondi

CIMG9813

Ci ha lasciati il 22 gennaio 2018 una scrittrice superba, Ursula K. Le Guin; un’autrice eccezionale, nel significato proprio del termine: “fuori dalla norma, insolita”. Ogni sua opera è stata infatti una piacevole sorpresa non solo nella fantascienza ma anche nel fantasy, riconciliando me, e sicuramente molti altri lettori, con un genere che di frequente propone testi poco significativi.

I suoi scritti sono fluidi, la narrazione si svolge con delicatezza e durezza al tempo stesso, raccontando personaggi complessi, il più delle volte positivi ma spesso con un bagaglio di esperienze duro e veritiero: non eroi ma uomini e donne completi, interessanti, stimolanti sia nel più classico romanzo di formazione sia nel testo più politico. E così la Le Guin riesce a parlare di politica, maltrattamenti, vita reale usando le ambientazioni come fossero una superiore metafora della nostra esistenza. Esemplare la maestria con cui narra i complicati temi della sessualità e dell’identità di genere, affrontati con competenza, leggerezza e profondità. Da leggere, rileggere e non dimenticare.

Nel novero delle sue opere maggiormente apprezzate, consiglio, tra i romanzi, I reietti di un altro pianeta e La mano sinistra delle tenebre mentre Crescendo a Karhide e Il campo della visione nella narrativa breve.

Infine, proprio a sottolineare la sua particolarità nel mondo del fantasy, un brano dalla prefazione dei Racconti di Terramare: «[…] Così la gente si rivolge ai regni fantastici in cerca di stabilità, antiche verità, semplicità immutabili. E le fabbriche del capitalismo forniscono tutto quanto. L’offerta soddisfa la domanda. La fantasy diventa una merce, un’industria. La fantasy mercificata non corre rischi: non inventa nulla, ma imita e banalizza. Procede privando le vecchie storie della loro complessità intellettuale ed etica, trasformando la loro azione in violenza, i loro protagonisti in pupazzi, e il loro contenuto veritiero in insulsaggini sentimentali.».

Quello di Anarres

Il piacere di leggere arriva dal Nord

CIMG9816

Irrinunciabile momento delle festività decembrine, la Festa di Natale 2017 della casa editrice Iperborea di Milano, oltre all’intenso profumo del vino e della carta e a quello – sognato, sospirato – della neve scandinava, ha lasciato sotto l’albero una colorata pigna di libri da gustare nel 2018. Alcuni sono destinati alle letture in famiglia, all’allegria e alla riflessione, come i volumetti della collana dei Mumin di Tove Jansson per i più piccini oppure Il meraviglioso viaggio di Nils Holgersson, opera di vasto respiro del premio Nobel Selma Lagerlöf, pubblicata nel 1906 ma sicuramente capace di divertire i nativi digitali, grandi e piccoli.

Altri volumi sono una vera e propria coccola per la mente; tra questi, il giusto rimedio per svincolarsi dalla leziosità talvolta troppo zuccherosa dei giorni di festa è affidarsi ai titoli di Arto Paasilinna. Irriverente, immaginifico, l’autore finlandese continua a regalarci sane risate con i suoi romanzi pullulanti di storie bizzarre e ancor più bizzarri personaggi, mettendo in scena con ironia le debolezze, gli errori e l’inutile affannarsi degli esseri umani intorno a bazzecole e miraggi. In attesa dell’uscita di Emilia l’elefante, prevista il 28 febbraio, tuffiamoci nelle pagine de La prima moglie e altre cianfrusaglie, che ci conducono fra cumuli di avventure strampalate, o svolazziamo insieme a Sulo Auvinen, inetto e pasticcione protagonista di Professione angelo custode.